martedì 4 marzo 2008

... Non è mai troppo tardi...?


"Da vedere!" mi aveva detto Carletta parlando dell'ultimo film interpretato da Jack Nicholson, Morgan Freeman, Non è mai troppo tardi. Avendo massima fiducia nella mia amica cine- (ma anche cino-) fila, l'ho visto.

Allora, i due protagonisti scoprono di essere malati e di avere ancora poco da vivere. Decidono, perciò di fare tutto quello che non sono riusciti a fare in passato. Visitano il Taj Mahal, le Piramidi, si lanciano col paracadute, si sfidano alla guida di costose macchine d'epoca, percorrono in moto un tratto della Muraglia cinese e altro.

Ora, il viaggio che compiono sulla superficie terrestre segna una svolta anche al loro interno, sembra che ciascuno riscopra ciò che è davvero.
Uno si deciderà a recuperare un difficle rapporto con la figlia, l'altro tornerà a casa da sua moglie, compagna di vita per 45 anni, madre dei suoi figli e distante anni luce dall'essere una donna amata e desiderata dal marito che non ricorda più "cosa provasse quando non riusciva a camminarle accanto senza tenerle la mano".

Ebbene, in quell'uomo che torna a casa dopo questo lungo viaggio compiuto con un quasiperfettosconosciuto nell'ultimo scorcio di vita che gli resta, in quell'uomo che ha preferito non aspettare ma vivere pochi mesi come avrebbe voluto vivere l'intera vita, in quella persona che alla fine, dopo una vita di sacrifici per gli altri sceglie se stesso, in quell'uomo la moglie riconosce suo marito, quel marito che aveva lasciato il posto ad uno sconosciuto per interi anni. Dice infatti, più o meno :"Da quel viaggio è tornato mio marito, mentre a pertire è stato un estraneo".

Serve altro? Ancora una conferma che solo realizzando se stessi si lavora alla felicità degli altri... che solo essendo fedeli alla propria natura e ai propri desideri si realizza un progetto di vita in grado di accogliere anche gli altri... me ne vado convincendo già da un po'o forse l'ho sempre saputo essendo cresciuta in un covo di persone assolutamente sottomesse al senso del dovere piuttosto che impegnate nella ricerca del piacere, perosne per le quali provo amore e stima, ma anche un po' di "pena" e rammarico.
E mi piacerebbe conoscerle veramente queste persone, vederne il lato più puro, più innamorato della vita e sognante, e mi piacerebbe vedere anche me meno ligia al dovere e più incline al piacere, alla ricerca della mia felicità...
...perchè io non ci credo mica che non è mai troppo tardi!

5 commenti:

NayNewz ha detto...

..neanche per aprire un blog è troppo tardi, nevvero? ;)

Viola ha detto...

si... il concetto è più o meno quello... ma c'è il rischio di non capire quando sarebbe ora di toglierlo e in quel caso si, a volte è troppo tardi!

emiliano saverioni ha detto...

Accolgo le pagine che seguiranno come una sfida e un invito. Affida le tue viole a chi sappia badarvi, e incomincia. O ricomincia. Perché nessun viaggio è definitivo.
un bacio
E.

Carletta ha detto...

...tu non puoi scrivere che non credi che non sia mai troppo tardi...tu che ti stai reinventando con questo bolg, con il tuo rinnovato egocentrismo, con le tue ambizioni soffocate e nascoste, lo spero con tutto il cuore,da una falsa rassegnazione...la morale del film, concordata da chiunque lo abbia visto, non è nulla di eccezionale ma è fondamentale per avere rispetto per quello che siamo e se parli della natura delle persone non puoi negare la tua...fosse insignificante lo potrei anche capire..interessante il blog,non poteva essere altrimenti...quasi quasi lo apro anch'io uno....meglio commentare film...viaggio con te....Carletta

Viola ha detto...

Carletta, grazie per essere passata di qua e benvenuta! Non credo sia questione di "rassegnazione", solo che "ogni cosa ha un suo tempo" e se valeva quando avevamo 15 anni e volevamo uscire la sera contro il parere dei rispettivi parents, varrà anche oggi che non possiamo più permetterci di fare quello a 15 anni ci era concesso... e andrà ancora peggio quando di anni ne avremo 45... man mano che si va avanti cresce il numero delle cose per cui è troppo tardi... credo!